Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Centro studicinematografici Infoe contatti
UNA DONNA FANTASTICA
MIGLIOR SCENEGGIATURA AL FESTIVAL DI BERLINO
Regia: Sebastian Lelio Attori:Daniela Vega, Francisco Reyes, Luis Gnecco, Aline Küppenheim Nazione: Cile, Germania Anno: 2017 Genere: Drammatico Anno: 104'
UNA DONNA FANTASTICA
di Sebastian Lelio con Daniela Vega
Vincitore dell’Orso d’argento
Migliore Sceneggiatura al Festival di Berlino 2017
“Un autentico Capolavoro” VARIETY
“Ipnotico e Misterioso” THE PLAYLIST
“Un’emozione fortissima” IL MESSAGGERO
Marina è una cameriera transessuale dotata di una voce eccezionale che la vede coinvolta da protagonista in spettacoli. Giovane e attraente, legata sentimentalmente ad un uomo di vent’anni più grande, la sua fragile felicità si interrompe la sera in cui Orlando, il suo grande amore, muore all’improvviso. Questo avvenimento la metterà di fronte ai pregiudizi della società in cui vive. Marina è però una donna forte e coraggiosa e si batterà contro tutto e tutti per difendere la propria identità e i propri sentimenti.
Una figura potente e pur nella pudica riservatezza che la contraddistingue, orgogliosa e femminile, nonostante tutto. Il regista sottolinea sin dal titolo la rivendicazione dell'essere donna, anche quando la prassi burocratica è ancora ben lontana dal suffragare tale legittimo sentimento e condizione interiori.
Il film di  Sebastian Lelio premiato al Festival di Berlino ricorda la celebrazione di certe indimenticabili valorose, e funestate dagli eventi, eroine almodovariane, anche per la presenza di una protagonista come Daniela Varga, che ben conosce e vive, almeno a livello fisico (è  realmente un transessuale), i disagi della sua fiera alter-ego cinematografica, eroina dolente e dignitosa che sa guardare oltre l'umiliazione e gli oltraggi ricevuti dai prepotenti ed ingordi familiari in malafede del caro estinto, salvaguardando dignità ed ostentando una legittima e disinteressata vocazione al martirio terreno che la rende una eroina iconica degna di essere ricordata e celebrata.

Santiago del Cile. Orlando, un ultracinquantenne imprenditore tessile, ha una soddisfacente relazione con Marina e intende festeggiarne il compleanno con un viaggio alle cascate di Iguazu. La sera della ricorrenza ha un malore in seguito al quale cade dalle scale di casa. Marina lo porta all'ospedale e avvisa il fratello che sopraggiunge. Orlando è deceduto e Marina viene invitata dalla ex moglie a tenersi lontana dalle esequie e dalla sua famiglia. Non perché sia l'amante ma perché è un transgender.
 
Produttore di questo film è Pablo Larrain, un regista da sempre attento alle tematiche sociali, che questa volta decide di spezzare una lancia in favore dei diritti di chi, secondo i benpensanti, non dovrebbe averne alcuno.
 
 
CINEMA CONCA VERDE
 
Mercoledì 8 Novembre, ore 21.00
Giovedì 9 Novembre, ore 21.00
Venerdì 10 Novembre, 20.15 - 22.30
Sabato 11 Novembre, ore 20.15 - 22.30
Domenica 12 Novembre, ore 14.45 - 16.45 - 18.45 - 20.45
Martedì 14 Novembre, ore 21.00