Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Centro studicinematografici Infoe contatti
LA CORAZZATA POTËMKIN - evento speciale - ingresso libero
ingresso libero
Cinema Conca Verde lunedì 12 giugno ore 21.00 ingresso libero
LA CORAZZATA POTËMKIN
di Sergej M. Ejzenstejn, con Alexander Antonov, Vladimir Barski, b/n durata 50 min. - Russia 1925
 
Film leggendario e oggetto di preciso culto da parte della critica "schierata". Ma non solo. Billy Wilder dichiarava che il Potemkin era uno dei titoli più importanti della sua giovinezza: "Uscito dal cinema ero un rivoluzionario...".
 
Questo titolo è stato considerato per lungo tempo il più importante dell'intera storia del cinema, nel quadro del suo tempo, assume un valore enorme e su molti piani. Il film venne sponsorizzato nientemeno che dallo Stato sovietico per celebrare la rivoluzione. 
 
Odessa 1905: a bordo dell'incrociatore Potemkin vi è un grave malessere. I marinai mal sopportano i soprusi del comandante. La situazione degenera quando il marinaio Vakulincuk dà l'esempio ai suoi compagni rifiutandosi di mangiare la carne avariata. Scatta la repressione. Viene ordinata la fucilazione di una parte dell'equipaggio, ma i soldati si rifiutano di sparare. La rivolta si propaga quando Vakulincuk viene ucciso da un ufficiale. Tutta Odessa scende in piazza, l'esercito spara su tutti, donne, vecchi e bambini. Si viene a sapere che una flotta sta puntando su Odessa. Il Potemkin esce in mare per la battaglia. Ma, ancora una volta, dalla flotta non parte nemmeno una cannonata contro i "compagni".
 
all'interno dell'iniziativa promossa da:
Biblioteca “Di Vittorio” Cgil Bergamo, Proteo Fare Sapere, Fondazione Serughetti La porta, Fiom Cgil, ARCI in collaborazione con il Cinema Conca Verde
 
I DIECI GIORNI
CHE SCONVOLSERO IL SECOLO
Aderire o non aderire? La questione non si pone per me. È la mia rivoluzione (Vladimir Majakovskij)

A cento anni di distanza, tre incontri per affrontare senza nostalgie e senza anatemi il tema della Rivoluzione russa, l’evento che cambiò il Novecento, e i cui esiti determinano ancora buona parte degli assetti internazionali. La speranza che si creò in quei giorni e l’attesa di un cambiamento radicale infl uenzarono per decenni le esistenze di un numero rilevantissimo di donne e di uomini, prima di conoscerne la tragica deriva. Eppure, dopo il 1989, si è passati ad una radicale rimozione della conoscenza, che è l’unico strumento – insieme al tempo – che permetta di avere un giudizio reale sulla storia
 
27 maggio | ore 17.45 Cgil Bergamo, Sala Lama via Garibaldi 3
Guido Carpi, Università di Napoli L’Orientale, parla con Paolo Barcella, Università di Bergamo, di Un anno rivoluzionario, in occasione della pubblicazione del suo saggio Russia 1917 (Carocci editore)
 
5 giugno | ore 17.45 Fondazione Serughetti La Porta, via Papa Giovanni XXIII, Bergamo
Gian Piero Piretto, Università di Milano,
La Rivoluzione della vita quotidiana in Unione Sovietica
 
12 giugno | ore 21 Cinema Conca Verde Via Mattioli, Bergamo
Roberto Villa, Biblioteca “Di Vittorio”, presenta il fi lm La Corazzata Potemkin (1925) di Sergej Michajlovič Ėjzenštejn
 
tutte le iniziative sono a ingresso libero e gratuito , fino ad esaurimento posti
L'Associazione Proteo Fare Sapere rilascerà a richiesta attestato di partecipazione 
(artt. 64 e 67 CCNL 2006/2009 del Comparto Scuola)