Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Centro studicinematografici Infoe contatti
 IL CLIENTE
PREMIO OSCAR MIGLIOR FILM STRANIERO
Regia: Asghar Farhadi Attori:Shahab Hosseini, Taraneh Alidoosti Nazione: Iran, Francia Anno: 2016 Genere: Drammatico Anno: 124'
 IL CLIENTE
di Asghar Farhadi, con Shahab Hosseini, Taraneh Alidoosti, drammatico, Iran-Francia 2016, 124'.
 
Premio Oscar come MIGLIOR FILM STRANIERO
Premiato al Festival di Cannes per la MIGLIOR SCENEGGIATURA e per il MIGLIOR ATTORE.
 
Emad e Rana sono due coniugi costretti ad abbandonare il proprio appartamento a causa di un cedimento strutturale dell’edificio. Si trovano così a dover cercare una nuova abitazione e vengono aiutati nella ricerca da un collega della compagnia teatrale in cui i due recitano da protagonisti di “Morte di un commesso viaggiatore” di Arthur Miller. La nuova casa era abitata da una donna di non buona reputazione e un giorno Rana, essendo sola, apre la porta (convinta che si tratti del marito) a uno dei clienti della donna il quale la aggredisce. Da quel momento per Emad inizia una ricerca dell’uomo in cui non vuole coinvolgere la polizia. L'Iran di Farhadi, l'Iran di The Salesman, non è quello confessionale e travagliato messo in scena dalla stragrande maggioranza dei suoi colleghi e compatrioti, ma quello laico nel quale si scontrano le pulsioni alla modernità e i retaggi della cultura più tradizionale.

Se in Una separazione era chiaro fin dal titolo quale fosse lo spunto per il conflitto tra i due mondi, ora il regista mette in scena una storia che passa dalla detection al revenge movie, sebbene attraverso toni decisamente lontani da quelli del cinema di genere più commerciale. A far partire la catena degli eventi di questo film, una casa che (simbolicamente, capiremo) viene dichiarata inagibile, e che costringe la giovane coppia di protagonisti, quella formata da Emad e Rana, a trasferirsi in un altro appartamento. E lì, dal passato di quella casa, emerge un'aggressione casuale di cui Rana rimane vittima e che farà andare Emad alla ricerca del responsabile, per una vendetta forse inutile e forse anche ingiusta.
Da un lato la pulizia della messa in scena, dall'altro la precisione del copione, l'andamento di una storia che si avvolge lentamente su di te e su sé stessa, catturandoti e non lasciando(si) scampo. Sono due delle caratteristiche del cinema di Asghar Farhadi che l'iraniano ha mostrato nei suoi film più noti e recenti, Una separazione e Il passato, che qui tornano intatte nella loro efficacia.
 
 
CINEMA DEL BORGO
 
Mercoledì 26 Aprile, ore 21.00
Giovedì 27 Aprile, ore 21.00