Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Centro studicinematografici Infoe contatti
LA STORIA DELL'AMORE
dal regista de "IL CONCERTO" e "TRAIN DE VIE, UN TRENO PER VIVERE"
Regia: Radu Mihaileanu Attori:Gemma Arterton, Elliott Gould Nazione: Francia Anno: 2017 Genere: Drammatico Anno: 134'
LA STORIA DELL'AMORE
di Radu Mihaileanu, con Gemma Arterton, Elliott Gould, Francia-Canada-Romania-USA, 2016, 134'.

La storia dell'amore racconta del sentimento che unisce Léo e Alma. Léo amava Alma più di ogni altra cosa e le aveva promesso di farla ridere per tutta la vita. La Seconda guerra mondiale li ha però separati: mentre Alma è fuggita a New York, Léo è sopravvissuto al conflitto e si è ripromesso di ritrovarla per mantenere fede all'amore. Decenni dopo, nella Brooklyn del 2006, vive invece una giovane adolescente piena di passione, fantasia e foga, che si chiama anche Alma. Dall'altro lato del ponte, a Chinatown, abita un ormai anziano Léo, che ancora ricorda il grande amore della sua vita. Nulla sembra collegare Léo alla giovane Alma, eppure il destino fa in modo che le loro esistenze si intreccino in un viaggio nel tempo che dalla Polonia degli anni Trenti porta fino a Central Park.
 
Con la direzione della fotografia di Laurent Dailland, le scenografie di Christian Niculescu, i costumi di Viorica Petrovici e le musiche di Armand Amar, La storia dell'amore è l'adattamento dell'omonimo romanzo di Nicole Krauss. A spiegare meglio la genesi del progetto sono le parole dello stesso regista: «Ho sempre realizzato film militanti. Ceausescu e il virus della dittatura ancora mi perseguitano nonostante l'ingenua sensazione di libertà che io provi. Allora, perché ho adattato La storia dell'amore? Credo che l'umanità stia attraversando la crisi più grave e profonda della sua storia, una crisi che genera tutte le altre, legata all'incapacità di amare l'altro. Viviamo in un'epoca in cui l'amore per se stessi trionfa sul resto e sulla gioia di amare qualcun altro, di volergli bene e di credergli. A volte l'amore sembra obsoleto, degradante e conservatore. A me piace prendere le difese di quegli utopisti che ancora lottano per l'amore, un sentimento che aiuta a sopravvivere.
 
 
CINEMA DEL BORGO
 
Martedì 21 Novembre, ore 16.00