Serviziper le sale Mediatecaprovinciale CinemaConca Verde Cinema Teatrodel Borgo La scuola al cinemaarrivano i film Rassegna stampacinematografica Centro studicinematografici Infoe contatti
UN FILM AL MESE PER LE SALE DELLA COMUNITÀ
L'AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA
Segnaliamo un film al mese  particolarmente interessante da programmare nei prossimi mesi nelle sale della comunità, unito a una scheda di approfondimento:
 
luglio 2018
L’AFFIDO - UNA STORIA DI VIOLENZA
di Xavier Legrand, Francia 2017, 90’
Il film in due righe
Dopo il divorzio tra Antoine e Myriam, il giudice decide per l'affido congiunto del figlio undicenne Julien. Il ragazzo cerca di proteggere la madre dalla violenza dell'uomo, ma la furia di Antoine sta per esplodere.
Due domande-chiave
L’ambiguità iniziale innesca un gioco di domande sulla verità. Cosa sta all’origine del disagio di Julien? Il ragazzo ha un piano quando prova a sabotare i tentativi del padre di entrare nella sua routine?
Il film racconta il dolore di vicende troppo spesso sottaciute o nascoste e lo fa in maniera semplice ma attenta, con un linguaggio asciutto e mai banale. Che cosa lo rende speciale?
 
<font>giugno 2018</font>
<font>LA TERRA DELL’ABBASTANZA
di Damiano e Fabio D’Innocenzo, Italia 2018, 96’ - Vietato ai minori di 14 anni
Il film in due righe
Guidando a tarda notte, Mirko e Manolo, investono il pentito di un clan criminale di zona uccidendolo. In questo modo i due ragazzi si sono guadagnati un ruolo, il rispetto ed il denaro che non hanno mai avuto.</font>
<font>Due domande-chiave
Quale tipo di situazione familiare e sociale inducono Mirko e Manolo a pensare che un crimine come l’omicidio involontario possa trasformarsi in un colpo di fortuna?
Perché i due giovani, svolgendo il loro apprendistato nel mondo della malavita, sono pronti a sparare e uccidere senza alcuno scrupolo morale, pensando solo al rispetto e al denaro che così possono ottenere?</font>
 
<font>maggio 2018
LA CASA SUL MARE
di Robert Guédiguian, Francia 2016, 107’
Il film in due righe
In una villa di Marsiglia si ritrovano attorno all'anziano padre Angèle, attrice trasferitasi a Parigi, Joseph, aspirante scrittore, e Armand, gestore del ristorante di famiglia. Un arrivo imprevisto dal mare porterà scompiglio nelle loro vite.</font>
<font>Due domande-chiave
La malattia del padre costringe i tre fratelli a ritrovarsi come famiglia e a fare i conti con il passato. Quali sono i momenti tragici e quali invece quelli gioiosi che hanno segnato la loro vita?
In quale modo l’arrivo dei tre bambini rifugiati scuote i protagonisti dalla nostalgia del passato e li induce a guardare con ottimismo verso il futuro?</font>
 
<font>aprile 2018</font>
<font>UN SOGNO CHIAMATO FLORIDA</font>
<font>di Sean Baker, Usa 2017, 111'</font>
<font>Il film in due righe</font>
<font>Moonee, 6 anni, passa il tempo scorrazzando con altri monelli nel Magic Castle Hotel alla periferia di Disney World, mentre la madre Halley cerca di sbarcare il lunario più o meno onestamente. L'unico che si occupa di lei è Bobby, il manager dell'hotel.</font>
<font>Due domande-chiave</font>
<font>Il film propone un ritratto della società contemporanea realistico e non edulcorato. Perché in alcuni momenti la regia segue il punto di vista dei bambini?</font>
<font>In quale modo l'autore mette in contrasto le immagini vivide e brillanti che enfatizzano la spensieratezza dell'estate e la location turistica con la situazione drammatica in cui vivono i protagonisti?</font>
 

<font>marzo 2018</font>

<font>WONDER</font>
<font>di Stephen Chbosky, Usa 2017, 113’</font>
<font>Il film in due righe
Nato con una rara malattia, Auggie affronta per la prima volta la scuola, sperando di essere accettato dai coetanei e dagli insegnanti. L'amore della sua famiglia lo aiuterà a trovare un posto nel mondo e nel cuore dei compagni di scuola.</font>
<font>Due domande-chiave
Quali sono inizialmente i rapporti di Auggie a casa con i familiari e con i compagni, quando lo vedono per la prima volta?</font>
<font>Nonostante le reazioni degli altri, Auggie è felice di stare in mezzo a loro e vuol fare tutto quello che loro fanno. In quale modo lavorare sull’autostima e sulla capacità di relazionarsi con gli altri può far diminuire il fenomeno del bullismo?</font>
 
<font>febbraio 2018</font>
<font>COCO</font>
<font>d</font><font>i Lee Unkrich e Adrian Molina, Usa 2017, 104’, animazione</font>
<font>Il film in due righe</font>
<font>Il giovane Miguel sogna di diventare un celebre musicista e non capisce perché nella sua casa sia bandita da generazioni qualsiasi forma di musica. Per una misteriosa serie di eventi il ragazzo finisce nella Terra dell'Aldilà: qui, con l'aiuto del simpatico e truffaldino Hector, scoprirà la storia della sua famiglia. 
Due domande-chiave</font>
<font>Perché nella famiglia di Miguel è severamente bandita da generazioni qualsiasi forma di musica?</font>
<font>Quali sono gli insegnamenti principali sul significato dell'esistenza umana che Miguel porta a casa dal suo viaggio nel mondo dei morti?</font>
 
gennaio 2018
GLI SDRAIATI di Francesca Archibugi, Italia 2017, 103'
Il film in due righe
Dopo la separazione, anni fa, Giorgio Selva ha ottenuto l'affido condiviso e vive metà del tempo col  figlio Tito, diciassettenne. E' un uomo realizzato, ma insieme all'adolescenza di Tito è scoppiata una guerra quotidiana. La vita insegnerà a padre e figlio come scambiarsi la fatica di diventare adulti e quella di invecchiare.
Due domande-chiave
Quali sono gli aspetti principali del modo di vivere di Tito che Giorgio non riesce ad accettare?
In quale terreno comune potrebbero incontrarsi Giorgio e Tito per recuperare il reciproco dialogo?
 
dicembre 2017
BARBIANA ’65 – LA LEZIONE DI DON MILANI
di Alessandro G.A. D’Alessandro, Italia 2017, 94’, documentario
Il film in due righe
Al documentario originale su Don Milani e la scuola di Barbiana girato da Angelo D'Alessandro nel 1965, il figlio Alessandro ha aggiunto tre testimonianze di chi ha vissuto e lavorato con lui o studiato la sua figura.
Due domande-chiave
Qual è il testamento spirituale del pensiero e della vita di Don Milani?
Perché può essere ancora utile per gli insegnanti e gli educatori di oggi?